4.8 (95.56%) 9 votes

Se la lotta al tumore al seno si vince soprattutto a colpi di prevenzione, meglio smascherarne con anticipo i possibili segnali. In particolare, meglio conoscerne e riconoscerne i possibili sintomi. Ecco 5 sintomi da non sottovalutare che potrebbero essere la manifestazione di una neoplasia mammaria e che dovrebbero spingere a chiedere tempestivamente una consulenza specialistica.

1. Noduli

Il primo segnale da non ignorare sono i noduli. Noduli che si scoprono con le semplici manovre di autopalpazione del seno, fondamentali per la prevenzione e la diagnosi tempestiva di questa forma di cancro. Noduli che si possono sentire al tatto o, addirittura, vedere.

2. Alterazioni del capezzolo

Tra i segnali anomali ci sono le alterazioni del capezzolo, che si presenta con protuberanze o rientranze mai riscontrate prima, per esempio, o perdite da un solo capezzolo. La presenza di perdite da entrambi i capezzoli, invece, solitamente è da collegare, più o meno direttamente, a cause di tipo ormonale.

3. Gonfiori e anomalie

Noduli da non far passare inosservati, ma nemmeno rigonfiamenti del seno o strane protuberanze, alterazioni della sua forma e della sua dimensione, che potrebbero essere la spia evidente di un processo maligno in atto. In particolare, sono da tenere sotto controllo i gonfiori di capezzoli e tessuto mammario, ma anche quelli che interessano la zona adiacente al seno, in prossimità delle ascelle.

4. Irritazioni o arrossamenti

Tra dicerie e mezze verità, se non è vero che ogni piccola imperfezione cutanea in corrispondenza del seno dovrebbe allarmare, è altrettanto vero, però, che cambiamenti importanti della pelle, come uno strano aspetto a buccia d’arancia, non devono essere sottovalutati. Da considerare osservati speciali, ai fini della prevenzione vincente del tumore al seno, anche anomali arrossamenti, soprattutto se interessano la zona del capezzolo, o irritazioni cutanee della zona mammaria persistenti.

5. Dolore

Solitamente nelle forme iniziali di tumore al seno il dolore non si annovera tra i possibili sintomi, perché nella maggior parte dei casi è legato alle variazioni fisiologiche dei cicli ormonali e solo raramente è scatenato dalla presenza di lesioni maligne, ma non è un’eventualità da escludere completamente. Più rara la stretta correlazione tra tumore e sintomi dolorosi, quindi. Ma non impossibile. Da non sottovalutare, in particolare, la comparsa di dolore intenso e persistente in corrispondenza del capezzolo o diffuso a tutto il seno.

FONTE



Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *