Links

FATE ATTENZIONE A COME CONSERVATE LE PATATE. LE LORO TOSSINE POTREBBERO CAUSARE LA MORTE.

Una famiglia in Russia è morta a causa di un errore fatto in cucina. La patata è un prodotto che viene utilizzato in numerose ricette. Può essere un cibo delizioso e molto versatile tanto da essere utilizzato per innumerevoli e gustose ricette. Quello che generalmente la gente sconosce è che le patate contengono anche delle tossine velenose e pericolose per l’uomo, che possono addirittura causare la morte. L’avvelenamento provocato dalle patate è raro, ma succede di tanto in tanto.

Le patate che sono state conservate per troppo tempo in casa, non dovrebbero essere consumate, ma gettate.

Maria a soli 8 anni, nel 2014, ha perso la sua famiglia a causa di qualcosa di veramente incredibile, legato proprio ad un sacco di patate marce che era stato lasciato tanto tempo in cantina. Si racconta che il padre di Maria era andato a prendere una patata o due, ma non ritornò mai al piano di sopra. Quando la madre di Maria andò a controllare cosa stesse facendo il marito, anche lei non fece ritorno. Insospettiti anche la nonna e il fratello scesero in quel cantinato maledetto e non fecero più ritorno.
La patata infatti contiene glicoalcaloidi, un composto chimico che può riverlarsi profondamente velenoso e pericoloso. La sostanza pericolosa in questione si chiama solanina. Può rivelarsi dannosa per l’organismo umano. Concentrazioni altissime possono infatti provocare forti danni all’apparato digestivo e neurale. Ecco perchè la famiglia di Maria ha trovato la morte in quel seminterrato, la patata si era trasformata in un killer che senza avvertimento ha ucciso un’intera famiglia. Sembra veramente un fatto assurdo che non ci sia stato bisogno neanche di ingerirlo per fare il suo effetto.
potato
Sarà anche un caso isolato. Ma non avevo comunque idea che la patata potesse essere un alimento che se mal conservato può rivelarsi velenoso.
FONTE

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close