Benessere

Peli Incarniti, cause e rimedi naturali: come rimuoverli

Come rimuovere i peli incarniti? Questo problema estetico si presenta per numerosi cause e fattori. Le zone maggiormente colpite sono le gambe, ovvero il punto che depiliamo più frequentemente.

Tendenzialmente, le persone con i capelli ricci possono incorrere in questa problematica. Inoltre, se ci depiliamo molto spesso con la lametta, dobbiamo prestare attenzione.

Il pelo incarnito, infatti, è una conseguenza della crescita sotto pelle del pelo. Il pelo non rompe il follicolo e dunque non riesce a crescere: si blocca.

Nel momento in cui il follicolo è ostruito, notiamo come il pelo si presenti in modo spezzato o cresce nella direzione sbagliata.

Rimedi naturali per i peli incarniti

Possiamo fare uso degli infusi di camomilla. La pianta di camomilla ha proprietà lenitive e antinfiammatorie. Di conseguenza è utile per trattare i peli incarniti.

Dovrete tamponare l’infuso sulla pelle; vi occorreranno 20 grammi di fiori di camomilla e 125 ml di acqua. Scaldate l’acqua e versate i fiori di camomilla: attendete almeno una decina di minuti.

Non appena sarà tiepido, potremo tamponarlo in modo delicato sulla zona in cui è presente il pelo incarnito. Ripetiamo l’operazione per qualche giorno.

Per il miele, offre proprietà antibiotiche naturali e vi permette di ammorbidire la pelle. Gli ingredienti della soluzione sono 50 grammi di miele e 6 gocce di succo di limone.

Per preparare questo rimedio naturale, mescoliamo il miele con qualche goccia di succo di limone e passiamolo sulla zona da trattare.

Anche il sale è un perfetto esfoliante naturale: vi permette di liberare i pori e rimuovere le cellule morte dalla pelle.

Potrete applicarlo direttamente sulla pelle, al fine di guarire l’imperfezione e di lenire l’irritazione. In questo caso avrete bisogno di 12 grammi di sale grosso e di un cucchiaino di acqua di rose.

Prendete il sale grosso e una ciotolina; mischiatelo con l’acqua di rose. Ora, passatelo sul punto in cui la pelle è irritata. Attendete per qualche minuto.

 

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close