LinksNews

MENINGITE: COME COLPISCE, COME PREVENIRLA E COME CURARLA – In Italia, negli ultimi 14 mesi 11 i morti. >> ALLARME IN TOSCANA

Sarebbe stato il meningococco C a stroncare la giovane vita della ragazza di ritorno dalle giornate della gioventù di Cracovia: meningite fulminante, non ha avuto scampo.

La meningite è l’infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello: la forma virale è la più diffusa ma quella benigna.

Devastante, perché se non si interviene è letale nel 50% dei casi, è la forma batterica, per cui esistono vari vaccini ma anche per questa gravissima infezione in troppi non li fanno, e le conseguenze spesso sono drammatiche.

Paure infondate, spesso. Vere e proprie bufale diffuse via internet hanno provocato la caduta sotto il 95% per le vaccinazioni obbligatorie, siamo attorno all’86% per quelle consigliate.

Eppure anche il vaccino contro il morbillo o la parotite o la polio difendono dall’attacco dei batteri che provocano la meningite. Non farli espone ad un doppio rischio.

Mail di testa, rigidità del collo, febbre alta sono i sintomi più comuni della meningite: bastano tre giorni di incubazione per la forma fulminante.

Ci si salva la vita con forti dosi di antibiotici, usati anch’esse la profilassi a cui adesso sono sottoposte una sessantina di persone che sono entrate in contatto con la studentessa morta. Una vera e propria emergenza, la meningite, in alcune parti del Paese in cui ci sono forme endemiche: un migliaio o casi ogni anno in Italia, negli ultimi 14 mesi 10 i morti. menincite

22-11-2016 – Meningite, un altro decesso in Toscana: muore ex insegnante di Viareggio

E’ deceduta all’ospedale di Livorno, un mese dopo il suo ricovero in seguito alla meningite, Lilia Agata Caputo, 64 anni, originaria di Rimini, ma residente a Viareggio (Lucca).

La donna, secondo quanto riportato oggi su Tirreno e Nazione, è deceduta a causa di complicazioni legate a una vasculite cerebrale.

Per l’ex insegnante, era in pensione dalla scorso anno scolastico, il calvario era iniziato il 24 ottobre con febbre alta: da allora la situazione non è più migliorata.

Ieri a Firenze , un altro decesso. Vittima una donna di 45 anni che era giunta all’alba al pronto soccorso dell’Ospedale Santa Maria Nuova del capoluogo in condizioni gravissime. Poche ore dopo, attorno alle sette, il decesso.

Quello di oggi a Viareggio è il quattordicesimo caso mortale dal 2015 ad oggi: sette le persone morte nel 2015 (sei delle quali per il ‘ceppo C’ ed una per il ceppo ‘B’) e sette quelle morte durante il 2016, tutte per il ceppo ‘C’.

La signora morta ieri non era vaccinata contro la meningite C, nonostante la campagna che la Regione Toscana sta conducendo da mesi, inizialmente nei confronti delle fasce piu’ giovani della popolazione, poi rivolgendosi a tutti.

“Rinnovo ancora una volta il mio appello a vaccinarsi a quanti rientrano nelle categorie per le quali la vaccinazione e’ indicata, e gratuita. Io stessa – ha detto l’assessore regionale alla Salute Stefania Saccardi – mi sono vaccinata contro il meningococco C l’anno scorso, e voglio ricordare che il vaccino è l’unico strumento per proteggersi. Ricordo che la Regione ha prolungato la campagna straordinaria di vaccinazione contro il meningococco C fino al 31 marzo 2017”.

L’appello, reiterato, dell’assessore è anche in considerazione della percezione di una specie di calo della soglia di attenzione nei confronti della vaccinazione.

Dall’inizio della campagna vaccinale straordinaria, cominciata a fine aprile 2015, al 31 ottobre 2016, sono state somministrate in totale 717.457 vaccinazioni: 194.958 nella fascia di eta’ 11-20 anni; 326.643 nella fascia 20-45; 195.856 dai 45 anni in su.

Intanto è già stata avviata la profilassi per coloro che hanno avuto un contatto stretto, conviventi e non, con la donna morta ieri a Firenze.

Le strutture di igiene e sanità pubblica hanno rintracciato i contatti stretti, compresi i volontari che stamani hanno soccorso la donna e l’hanno portata in ospedale, e a tutti e’ stata raccomandata la profilassi antibiotica: in tutto si tratta una ventina di persone.

FONTE

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close