Vota questo articolo

L’estate non è un periodo “off limits” per virus, morbi e malattie più o meno aggressive che colpiscono bambini e adulti anche nel bel mezzo delle vacanze rovinando almeno in parte il periodo più bello e atteso della stagione calda.

A volte basta qualche piccolo accorgimento per evitare problemi di salute durante le ferie, mentre in altri casi l’unica difesa è rappresentata dalle cure successive che permettono di limitare i danni con l’aiuto del medico di famiglia.

I mesi estivi “regalano” ai più piccoli brutte sorprese sotto forma di infezioni da batteri.

Arrossamenti più o meno estesi della cute sono un campanello d’allarme che diventa inequivocabile in presenza di pustole su vari punti del corpo: periodo di terapia previsto, dai 5 agli 8 giorni.

Micosi e dermatiti sono sempre dietro l’angolo quando si trascorrono lunghi periodi al mare oppure in centri estivi con piscine e parchi giochi molto frequentati: prevenirle attraverso una marcata attenzione all’igiene non è impossibile, ma in commercio esistono efficaci rimedi (pomate) che aggrediscono l’infezione in tempi piuttosto rapidi.

Incubo di bambini e grandi, le punture di vespe e calabroni provocano fastidiosissime conseguenze mettendo ko i “bersagli” degli attacchi di insetti con pungiglione velenoso: i più sfortunati possono andare incontro a shock anafilattici rischiando in casi estremi anche la vita.

Il morso della medusa non è di per sé particolarmente pericoloso, anzi va affrontato con serena prontezza neutralizzandone gli effetti tramite appositi prodotti farmaceutici (pratici e peraltro disponibili a buon mercato) da tenere sempre in borsa.

Lavando la ferita con acqua di mare per poi coprirla con sabbia calda, si ottiene un sollievo immediato. Il discorso cambia se la puntura ha colpito una parte sensibile del corpo: non si può escludere che rimanga a lungo un profondo segno sulla pelle.

Chi va in vacanza lontano per diverse settimane deve tenere presente un altro nemico piuttosto temibile: la gastroenterite, che se contratta in forma non lieve costringe a letto le sue “vittime” stagionali. Idratazione frequente e regime alimentare restrittivo sono i migliori rimedi alla probabile insorgenza di sintomi tipici come la diarrea.

FONTE