Vota questo articolo

Quale che sia l’alimentazione, durante la digestione vi è sempre produzione di gas intestinali che se in eccesso provocano il gonfiore addominale.

La Dieta della Pancia Piatta, è possibile sgonfiarsi in un paio di giorni, ovvero eliminare il gonfiore addominale, certamente non se si hanno dei chili di troppo, perché per quelli non basterebbero certamente solo due giorni, anche con tutta la buona volontà e fantasia.

Il gonfiore addominale è per lo più la conseguenza del gonfiore intestinale, ovvero, della presenza di gas in eccesso che l’organismo non è in grado di eliminare da solo.

Quale che sia l’alimentazione, durante la digestione vi è sempre, è del tutto inevitabile, una produzione di gas intestinali che, se sono entro certi limiti, vengono smaltiti regolarmente perché assorbiti dalla mucosa intestinale e eliminati poi durante il normale scambio gassoso.

In caso, invece, di una produzione in eccesso, e questo dipende per lo più dall’alimentazione in quanto vi sono degli alimenti che, durante la digestione, fermentano, i gas non possono essere eliminati e quindi producono quel gonfiore addominale, fonte anche di non pochi fastidio ed imbarazzi perché, in qualche modo, è pur necessario liberarsi di questi gas in eccesso.

Per evitare di andare incontro a questo problema, la dieta è essenziale, o meglio, una più attenta selezione degli alimenti è in grado di limitare notevolmente il problema, anche se poi qualche tisana, anche fatta in casa, può aiutare.

Vi sono poi alcuni alimenti che sono dei veri e propri antigas, due su tutti, che riescono a limitare in maniera significativa la produzione dei gas in eccesso: il finocchio e il cumino, quest’ultimo un spezia tipica della cucina del Nord Africa, che oggi comincia d essere utilizzata anche con una certa frequenza nel nostro paese che, negli ultimi anni, sembra aver preso una maggiore coscienza delle spezie in generale, tanto è vero che oggi si trovano un po’ tutte facilmente nei supermercati, mentre un tempo erano una vera e propria rarità.

Ma vediamo nello specifico la dieta.

Primo giorno.

  • Prima colazione a base di 100 gr di latte e caffè a base di latte scremato, 3 fette biscottate e un po’ di marmellata.
  • Pranzo a base di 150 gr di roast beef, 200 gr di finocchi lessati, 150 gr di pompelmo.
  • Merenda a base di tè con tre fette biscottate.
  • Cena a base di 180 gr di passato di verdura, 150 gr di pesce cotto alla griglia, 200 gr di barbabietole condite con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva, 40 gr di pane integrale, 200 gr di mele.

Secondo giorno.

  • Prima colazione a base di 125 gr di yogurt magro, 30 gr di fette biscottate e 1 caffè preferibilmente amaro o con pochissimo zucchero di canna.
  • Pranzo a base di 70 gr di prosciutto crudo, 250 gr di verdura lessata condita con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva, 20 gr di pane integrale, 200 gr di mele.
  • Merenda a base di 200 gr di succo d’arancia.
  • Cena a base di 200 gr di zucchine bollite condite con un cucchiaio di olio extra vergine di oliva, 50 gr di mozzarella, 20 gr di pane integrale e 1 mela.

Con questa semplice e non particolarmente impegnativa dieta è facile liberarsi, in un paio di giorni, del gonfiore addominale e quindi di tornare ad avere quella bella pancia piatta da poter sfoggiare tranquillamente in spiaggia, anche se in effetti l’estate è ancora lontana così come anche la prova costume, ma prepararsi per tempo non fa mai male.

In tutti i casi, come regola generale, per è meglio consumare verdure cotte preferibilmente al vapore, in modo da limitare di molto la loro fermentazione durante i processi digestivi, fermentazione che è poi la principale responsabile della presenza del gonfiore intestinale in eccesso che l’organismo non è in grado di smaltire rapidamente, senza l’aiuto di qualche antigas.

FONTE



Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *