Vota questo articolo

Dolore alle gambe o malattia arteriosa periferica: “cuore in pericolo”?

Il dolore alle gambe può essere causato da ostruzione dei vasi sanguigni. La causa? Anni di fumo, alto contenuto di grassi nella dieta ed altri fattori che favoriscono il colesterolo alto e che causano tessuto cicatriziale e coaguli di sangue che  possono ostruire i vasi sanguigni. 

La maggior parte della gente pensa questo tipo di malattia o arteriosclerosi, si sviluppa solo nel cuore: l’aterosclerosi può interessare tutto il corpo e nel caso degli arti inferiori prende il nome di  malattia arteriosa periferica o PAD.

” In alcune persone, la condizione provoca un dolore alle gambe che agisce per dare l’allerta di un alto rischio di attacco di cuore o ictus”, dice un esperto dell’Università del Michigan Cardiovascular Center.

“Quasi un quarto delle persone che hanno dolore alle gambe a causa della malattia arteriosa periferica potrà sviluppare un attacco di cuore o altri problemi cardiaci, entro i prossimi cinque anni”, dice James Stanley, MD, direttore del CVC e chirurgo vascolare.

La prevenzione e diagnostica precoce, sono fondamentali nel caso di malattia arteriosa periferica che spesso viene trattata con un intervento di bypass per aprire le arterie bloccate delle gambe, simile all’intervento di by-pass che si esegue su pazienti che hanno problemi cardiaci.

“Di sicuro il dolore alle gambe è un campanello d’allarme”, dice Stanley. “Voi sapete il vecchio detto, ‘Dove c’è fumo, c’è fuoco’?
Stanley ha operato migliaia di pazienti con grave PAD nei suoi decenni di attività come un professore di chirurgia vascolare presso l’UM Medical School.

Quasi 30 milioni di persone negli Stati Uniti hanno una qualche forma di PAD, anche se la stragrande maggioranza sono casi “silenziosi” che non causano sintomi.

Tra le persone oltre i 70 anni, quasi una persona su cinque è affetta da malattia arteriosa periferica.
Chi è più a rischio di PAD?

Persone oltre i 50 anni, i fumatori, le persone con diabete, le persone con pressione alta, le persone con colesterolo alto e le persone che sono in sovrappeso o obese” spiega il  Dott.Stanley. In altre parole, è lo stesso gruppo di persone che hanno un alto rischio di infarto e ictus. 

Quindi, i consigli per prevenire la condizione, prima che si aggravi, sono in gran parte gli stessi per prevenire un attacco di cuore o ictus:

Smettere di fumare, mangiare sano, fare più esercizio, controllare la glicemia se avete il diabete, perdere peso e controllare i livelli di pressione sanguigna e colesterolo.

E’ anche il caso di chiedere al proprio medico di chiedere se si deve assumere l’ aspirina quotidianamente per prevenire i coaguli o farmaci per ridurre la pressione sanguigna e il colesterolo.

Le persone affette da malattia arteriosa periferica, si sentono stanche quando camminano o si esercitano, sviluppano un sintomo che i medici chiamano ‘”claudicatio” e hanno spesso dei crampi.

In alcune persone la malattia causare dolore o intorpidimento anche quando dormono, un sintomo chiamato “dolore a riposo”. Stanley dice che questo dolore spesso risveglia i pazienti dal sonno, più spesso si verifica nella sfera dei piedi. Questo livello di sintomi è inquietante perché indica un blocco più grave senza adeguati vasi collaterali.

Un altro segno di una grave PAD è lo sviluppo di piaghe dolorose o ulcere ai piedi e alle dita che si verificano perché il flusso di sangue non è sufficiente per nutrire il tessuto che comincia a rompersi. Nelle persone con diabete, i cui corpi hanno una particolarmente difficile guarigione, le ulcere sono più a rischio.

Se non curate, possono peggiorare e anche trasformarsi in cancrena.

Stanley raccomanda che chiunque abbia il disagio alle gambe e soprattutto se il nuovo dolore dura più di una settimana, dovrebbe parlare con un medico per eseguire un esame Doppler indolore, non invasivo a ultrasuoni che rileva la pressione del sangue negli arti.

A seconda del risultato, il medico potrà prescrivere una MRA (risonanza magnetica arteriogramma) della gamba.

Se viene trovato un intasamento, ci sono diverse opzioni. Due sono simili a quelle per i pazienti affetti da malattia cardiaca: una procedura minimamente invasiva come un angioplastica che apre i blocchi delle arterie con un piccolo palloncino, o chirurgia di bypass per posizionare un nuovo innesto per portare sangue nella zona bloccata.

Ci sono anche promettenti nuove opzioni all’orizzonte, per aiutare il corpo a far crescere nuovi vasi sanguigni nella zona bloccata. Il CVC UM è il primo posto al mondo in cui i pazienti con grave PAD eseguono un nuovo trattamento di terapia genica sperimentale, chiamato MultiGeneAngio. 

“Il processo MultiGeneAngio preleva cellule da una vena del braccio del paziente, vi aggiunge nuovi geni che favoriscono la crescita dei vasi sanguigni e poi inietta le cellule nell’arteria bloccata utilizzando una tecnica minimamente invasiva. In questo momento, tale opzione di trattamento è ancora in fase di test per la sicurezza e per trovare la giusta dose di cellule da iniettare” , dice Michael Grossman, MD, cardiologo interventista di messaggistica unificata che sta conducendo lo studio alla UM. Se lo studio avrà successo potrebbe un giorno diventare una nuova opzione di trattamento per tutti i pazienti affetti dalla condizione .

Dati sulla malattia arteriosa periferica o PAD:

  • Malattia arteriosa periferica, o PAD è talvolta chiamata malattia vascolare periferica. Entrambi i nomi descrivono il blocco dei vasi sanguigni nelle parti periferiche del corpo.
  • I blocchi nelle arterie sono causati dall’accumulo di colesterolo, tessuto cicatriziale e coaguli di sangue all’interno del vaso sanguigno – la stessa cosa che accade nei vasi sanguigni che alimentano il cuore.
  • PAD interferisce con il flusso di sangue alle gambe e ai piedi e questo può causare dolore o intorpidimento alle gambe.
  • Blocchi simili nel cuore o nel cervello possono causare un attacco di cuore o ictus.
  • Le persone con PAD, soprattutto PAD che provoca dolore, hanno una maggiore rischio di avere un attacco di cuore o ictus. PAD è considerato un segnale di avvertimento per più gravi problemi .
  • PAD si sviluppa soprattutto nelle persone che hanno una tendenza ereditaria (genetica) e nelle persone sopra i 50 anni. E’ anche molto più comune nelle persone che fumano, che hanno il diabete, livelli elevati di grassi nel sangue (per esempio il colesterolo) e pressione alta e nelle persone che sono in sovrappeso.
  • PAD può essere diagnosticata con un esame ecografico.
  • Le persone affette da PAD dovrebbero smettere di fumare, se non l’hanno già fatto.
  • PAD può essere trattato con l’esercizio fisico, cambiamenti nella dieta, buon controllo di zucchero nel sangue e farmaci per ridurre la pressione sanguigna e il colesterolo. I casi gravi sono trattati con procedure minimamente invasive o interventi chirurgici.

FONTE