Salute

Dieta Vegana: le cinque carenze che non dovremmo avere

Se scegliamo di seguire la dieta vegana, dobbiamo sicuramente prestare attenzione a cosa integriamo e alle carenze nutrizionali.

Sono sempre di più le persone che, negli ultimi tempi, hanno deciso di seguire una dieta vegana. Mangiare unicamente prodotti della terra, senza integrare nel piano alimentare degli ingredienti di origine alimentare, è una scelta di vita.

Tuttavia, come per ogni regime alimentare, dobbiamo prestare attenzione a cosa mangiamo e ad integrare soprattutto le sostanze nutritive di cui il nostro corpo ha bisogno.

L’organismo funziona in maniera perfetta proprio grazia all’integrazione di determinati nutrienti. Noi non produciamo tutti i nutrienti di cui il corpo necessita.

Ne consegue che dovremo essere noi a integrarli grazie al piano alimentare giusto. Nel caso della dieta vegana, potrebbero essere ben cinque le mancanze più diffuse. Quali sono e come poterle integrare in modo naturale?

La prima carenza a cui prestare attenzione è quella di ferro. Questo è uno dei sali minerali indispensabili per il corpo. Il ferro è impiegato nella trasformazione di ossigeno nel sangue.

Dieta vegana: dal ferro al calcio, nutrienti

Possiamo scegliere il giusto integratore e farci consigliare dal nutrizionista. Una seconda mancanza potrebbe essere la Vitamina B12. Quest’ultima entra in gioco nel metabolismo delle proteine e nella fortificazione dei globuli bianchi.

Anche il calcio è essenziale, importante per noi: rientra tra i sali minerali e gioca un ruolo fondamentale nella protezione e nel rafforzamento delle ossa. Tra i vegetali migliori, citiamo i broccoli, i ceci e il cavolo.

Le altre due carenze vitaminiche possibili sono la Vitamina D e l’Omega 3. Come possiamo integrarle? L’Omega 3 aiuta il nostro cervello a funzionare meglio e migliorare le capacità cognitive. Integriamolo con le noci!

Per la Vitamina D, invece, è una carenza molto comune, in realtà: non importa se seguiamo la dieta vegana o meno.

Purtroppo, possiamo integrare questa vitamina mangiando le uova, il fegato e il formaggio: dunque, per i vegani, è possibile ricorrere all’utilizzo di un integratore.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close