Vota questo articolo

Una nuova ricerca condotta da un team di ricercatori svedesi e danesi guidati dal Karolinska Institutet fornisce ulteriore supporto a un collegamento tra il trattamento con antibiotici fluorochinoloni e un aumentato rischio di malattia aortica acuta. 

Lo studio è stato pubblicato dalla rivista BMJ.

Gli antibiotici fluorochinolonici sono usati globalmente per trattare una varietà di infezioni.

Recenti studi osservazionali hanno sollevato timori che possano essere associati a un aumento più che raddoppiato del rischio di malattia aortica acuta e potenzialmente letale ( aneurisma o dissezione aortica ).

 Tuttavia, a causa delle limitazioni nella progettazione dello studio, non è stato possibile trarre conclusioni definitive.

Per valutare se esiste effettivamente un collegamento, i ricercatori del Karolinska Institutet e della Lund University in Svezia e dello Statens Serum Institut in Danimarca hanno analizzato i dati dei registri sanitari svedesi.

I ricercatori sono stati quindi in grado di confrontare il rischio di aneurisma aortico o di dissezione tra più di 360.000 episodi di trattamento con antibiotici  fluorochinoloni con il rischio tra lo stesso numero di episodi di trattamento con amoxicillina, un altro tipo di antibiotico.

Il 66% di aumentato rischio

 I risultati mostrano un aumento del 66% del rischio di aneurisma aortico o di dissezione nei pazienti trattati con antibiotici fluorochinolonici . 

Ciò corrispondeva ad una differenza assoluta di 82 casi per 1 milione di cicli di trattamento con antibiotici fluorochinolonici .

“I nostri risultati confermano i risultati degli studi precedenti, ma suggeriscono che l’ aumento del rischio non è così pronunciato come indicato da quegli studi”, dice Björn Pasternak, Professore associato presso il Dipartimento di Medicina del Karolinska Institutet, Solna, che ha guidato lo studio.

Come i precedenti, lo studio corrente è uno studio osservazionale che non è in grado di dimostrare una relazione causale.

Tuttavia, secondo Björn Pasternak, a causa delle sue dimensioni e del suo design metodologico, fornisce i risultati più affidabili finora ottenuti.

“Sebbene l’aumento del rischio assoluto fosse relativamente piccolo, i risultati dello studio dovrebbero essere interpretati nel contesto dell’uso diffuso dei fluorochinoloni.

Il nostro obiettivo generale è quello di aiutare a informare la pratica clinica attraverso prove di alta qualità”.

Indurre l’attività di determinati enzimi.

I ricercatori evidenziano anche un possibile meccanismo che potrebbe spiegare l’associazione.

Uno dei fattori coinvolti nello sviluppo della malattia aortica è l’aumentata attività in enzimi degradanti del tessuto noti come metalloproteinasi di matrice. 

Siamo consapevoli che i fluorochinoloni inducono l’attività di questi enzimi che si ritiene siano anche alla base dell’effetto avverso più noto di dolore al tendine e rottura “, dice Björn Pasternak.

I risultati dello studio sono anche discussi in un editoriale dI BMJ.

FONTE