Benessere e saluteLinksNews

6 errori da NON commettere assolutamente dopo i 40 anni.

Le buone abitudini da non perdere o da abbracciare quanto prima secondo gli esperti.

 I 40 sono i nuovi 30? Pare di sì! Molte donne in questa età sono al top delle energie, amano uscire, viaggiare, fare sport, avere relazioni. Dopo i 40 anni ci si gode la vita alla grande insomma, e si è portate a credere di conoscere bene il proprio corpo e i propri limiti, e di saper correre ai ripari in tempo. Invece, proprio per questo è più facile commettere sbagli che aumentano i rischi alla salute o complicheranno la vita in futuro. Ecco 6 errori da NON commettere assolutamente dopo i 40 anni secondo il sito Today.com che possiamo adottare per andare avanti in serenità.

1. Non usare contraccettivi. In linea di massima una quarantenne ha meno chance di rimanere incinta rispetto a una ventenne, ma finché non arriva la menopausa, tutto è possibile. Parlare con il ginecologo delle opzioni più adatte per le over 35 è d’obbligo.

2. Non sottovalutare i cali della vista. I cambiamenti ormonali possono dare origine a disturbi agli occhi, se è tanto che non fai una visita oculistica, è tempo di fare un check.

3. Le diete drastiche. Un aumento di peso è naturale a quest’età, va bene tenerlo d’occhio e contrastarlo con alimentazione ed esercizi, ma le diete che eliminano in blocco alcuni nutrienti sono pericolose. Assicurati invece di assumere i giusti livelli di vitamina D e calcio.
4. Rimandare i controlli al seno. Una mammografia ogni due anni, punto.

5. Dormire poco. Tra famiglia e lavoro è un attimo saltare ore preziose di riposo, e dopo i 40, l’impatto sull’aspetto è notevole! Previeni e organizzati così: cerca di mantenere gli stessi orari anche nei weekend, tieni la camera da letto buia, fresca e lontana dai rumori, se hai problemi a dormire chiedi consiglio al tuo medico.

6. Ignorare il rischio di diabete. Dai 45 anni in poi è utile fare screening periodici, tenere d’occhio il peso e mantenersi in esercizio, riduce sensibilmente il rischio di questa patologia negli anni a seguire.
FONTE

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close