L’ANZIANO CREDE DI AVER PERSO TUTTO PER COLPA DEL TERREMOTO, MA GUARDATE CHI C’E’ AI PIEDI DEL SUO LETTO.

0
3875

L’anziano crede di aver perso tutto per colpa del terremoto, ma guardate chi c’è ai piedi del suo letto.

Il bilancio del tremendo terremoto ad Amatrice è al momento di 293 morti accertati.

Una ferita davvero terribile che farà fatica a rimarginarsi, sopratutto per coloro che hanno perso delle persone care, oltre ai beni materiali.

Nei social e nei media in generale sono state raccolte molte testimonianze del lavoro fatto dai vigili del fuoco, dalla protezione civile e dai volontari per aiutare la popolazione colpita. I vigili sono stati tra i primi ad accorrere ed hanno fatto il possibile per salvare chiunque potessero.

Video, foto, frasi ci hanno raccontato questo dramma di chi ha visto scomparire un’intera esistenza in pochi attimi fin dall’inizio.160825-earthquake-dog-jsw-02-1236p_2d8d3b2bd8dd222e391eb95da3d8aa7e.nbcnews-ux-2880-1000

C’è una foto molto emozionante tra le tante che sono state scattate dopo questa tragedia. In questa foto si vede una persona molto anziana, che è stata portata al sicuro nel letto di un ospedale all’interno di un centro di accoglienza allestito in una palestra.

Ai piedi del letto dove sta questo anziano signore c’è un cagnolino, di razza maltese, che sorveglia il suo padrone, Antonio Putini, quasi a volerlo proteggere. Antonio ha la bellezza di 97 anni.

Non è legato, potrebbe andare via, potrebbe cercare rifugio presso altre persone che gli assicurerebbe sicuramente più cibo e protezione. Ma lui sta lì, perché se è vero che il terremoto distrugge tutto, non può spazzare via la loro indissolubile amicizia.

Delle immagini davvero toccanti, che ci fanno capire molto. Il terremoto ha distrutto moltissimi beni ed ha portato via moltissime vite, ma ora rimane la speranza in un futuro migliore e la certezza che l’umanità che si è palesata durante questa tragedia possa aiutare per ricostruire tutto e ritornare alla “normale” vita.

Se questo articolo ti ha colpito CONDIVIDILO con i tuoi amici. Cosa ne pensi di questa storia? Lasciaci un commento con le tue opinioni nell’apposita sezione, ciò che hai da dire ci interessa.

FONTE

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO