Patente di guida, ora cambia tutto. Ecco a cosa prestare attenzione per non ricevere multe di 15mila euro.

0
586

Di recente sono cambiate alcune regole molto importanti che fanno riferimento alla patente di guida e ai comportamenti degli automobilisti. Ancora non ne sono a conoscenza molte persone, che pensano siano ancora in vigore i regolamenti vecchi, tuttavia le cose sono cambiate, e tra i vari cambiamenti che sono accorsi ve ne elencheremo alcuni particolarmente significativi sui quali occorre prestare particolare attenzione.

Guidare senza patente non è più reato ma illecito amministrativo: nella sostanza ciò che cambia è che adesso se si viene beccati a guidare un’auto senza averne titolo si pagherà una multa che potrà oscillare tra i 5 mila e i 15 mila euro. Inoltre il veicolo subirà il fermo amministrativo dalla durata di 3 mesi.

Tutto ciò vale anche per chi, pur avendo una patente a dispozione guida un mezzo diverso da quello che la patente in suo possesso prevede. Se uno ha la patente B non può guidare un camion, anche perché adesso rischia una multa molto pesante.

Dunque tutti coloro che non hanno il regolare permesso per guidare in Italia rischiano multe salate. Lo stesso vale per chi ha una patente scaduta e non ancora rinnovata: anche in questo caso si riceve lo stesso trattamento di chi invece la patente non ce l’ha perché gli è stata sequestrata, oppure perché non ha mai fatto l’esame di guida per l’apposita patente.

Tra le altre cose che riguardano il nuovo Codice della Strada, vi è la “lotta alle distrazioni” per cui vi può essere il ritiro immediato della patente per un periodo che va dai 15 giorni ai 2 mesi nel caso il conducente sia beccato a guidare con un telefonino in mano.

Dunque i rischi riconducibili all’argomento “patente” sono molto elevati, perché da un lato il non averla e mettersi alla guida può costare caro, e nel mentre diventa anche più semplice perderla. Pertanto tutto questo si rivela essere sicuramente una ulteriore buona motivazione per rispettare le regole.

FONTE

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO